Cucina Senza Senza ®

con Irene

2013 e dintorni

Pubblicato il | 23 dicembre 2013 | 1 Commento


Il 2013 è stato l’anno del Platano sotto cui ho iniziato a fare Tai-chi tutte le mattine alle 7.15.

E’ un posto dove passa molto: cani, persone, domande, risposte, luce, foglie e vento.
Un capitolo a parte meritano i cani.
Nei mesi ho individuato 4 fasi di avvicinamento da parte loro:
1. Si avvicinano saltano e abbaiano. E lì mi hanno insegnato che bisogna accucciarsi alla loro altezza e far loro capire che se si vogliono avvicinare possono.
2. Si avvicinano e giocano.
3. Si avvicinano, giocano e cercano di impossessarsi della merendina vegana che tengo in borsa per la colazione.
In questo caso bisogna piano piano dissuaderli.
4. Si avvicinano, giocano, puntano la merendina vegana e cercano di far la pipì sul mio cappotto. E’ la fase più delicata: urge opera di distrazione dai loro propositi, efficace ma dolce.
Più complicato raccontare le persone che passano di lì.
Un Grazie speciale a Patrick Behar che ha colto in un click lo spirito del Platano.
Un Grazie di cuore al mio Master Reiki che ho scoperto ha avuto il suo “ufficio” proprio sulle radici di questo Platano perché le radici hanno molto da insegnare sul nutrimento e sulle cicatrici che guariscono.
Un Grazie fiducioso a tutti quelli che sono passati, che passano e che passeranno, perché il Platano è di tutti quelli che lo vogliono vedere, ascoltare e sentire.

E che le Feste abbiano inizio. Noi si va in letargo per un po’, capitolo su cui abbiamo qualche arretrato, decenni tipo….
________________________________________________________________________________
English Version
2013 was the year of the Platano tree where I started playing Tai-chi every morning at 7.15.

It ’s a meeting point for a lot of dogs, people, questions, answers, light, leaves and wind.
Dogs deserve a special mention.
In the months spent under the Platano tree, I have identified 4 stages of approach:

1 . They approach jumping and barking. And about that I was taught that you have to crouch down to their level and make them understand that if they want to come near they can.
2 . They approach and play.
3 . They approach, play and try to find out the vegan snack that I keep in the bag for breakfast. In this case you have to kindly dissuade them.
4 . They approach, play, aim the vegan snack and try to pee on my coat. And this is the most delicate moment: it is urgent work to chnge their mind, effective but soft.

More complicated it’s to speak about the people who pop in near the Platano tree.
A special thanks to Patrick Behar that has caught in a click the Platano tree spirit.
A heartful thanks to my Reiki Master that I found out he had his “office” on the roots of this Platano, because the roots have much to teach about feeding and the scars healing.
Many and unique Thanks to everybody who have come, and will come there, because the Platano tree belongs to all those who want to see, hear and feel.

Let’s holidays begin. We will go into letargy for a while, chapter on which we have to catch up… decades to catch up.

Bookmark and Share

Commenti

Un Commento a “2013 e dintorni”

  1. loose canadian diamonds
    22 giugno 2014 @ 09:51

    loose canadian diamonds…

    Cucina Senza Senza ®…

Vuoi lasciare un commento?





Cerca

  • AL RIPARO DA INTOLLERANZE

    Irene Binaghi
    Le ricette proposte su questo blog invitano a una cucina naturale, nel rispetto di chi soffre di intolleranze alimentari. Sono utilizzati ingredienti bio, senza latticini, senza zucchero, senza lieviti, senza grano, senza uova, senza carne, ma - soprattutto - senza rinunciare all’acquolina in bocca. Questa è quella che chiamo la sfida senza senza. Le intolleranze passano, il modo più naturale di cibarsi resta.
  • Cinguettii senza senza

  • Pausa Thè su YouTube

  • PREVENZIONE IN 111 RICETTE

    Verso La Tolleranza
  • Parole da assaggiare

    Intolleranze Zero
  • Sottoscrivi

  • Translator