Cucina Senza Senza ®

con Irene

felicità possibili, mare e coccobello

Pubblicato il | 9 agosto 2015 | 2 Commenti



Le felicità possibili si sono spostate al mare, data la stagione e in particolare alla Spiaggia 60 di Riccione dove ci ha accolto Francesca Gussoni, come sempre curiosa e instancabile indagatrice delle letture sul bagna-asciuga. La Spiaggia 60 é un posto speciale, con il mare sullo sfondo, le fette di anguria per merenda, gli ombrelloni, le sdraio tutto a cornice balneare ad una piccola biblioteca e tanti vasetti di sabbia provenienti da molte coste, vicine e lontane.

Qui, chi scrive, trova un pubblico fitto, abbronzato, attento e divertito che ascolta, interviene, si informa.


Da lontano ci sono stati vicino Angela Maria Marchetti di I am bambù che con la flessibilità del bambù ha reso reali le felicità possibilie poi Transeuropa Edizioni, la nostra casa editrice.

Un ringraziamento speciale all’Hotel Flamengo che ci ha accolto e ospitato, a cui dedichiamo questa ricetta gluten free e vegan. Infatti la cucina del Hotel Flamengo è molto attenta al tema delle intolleranze, propone, ad esempio, menù senza glutine. Infatti la famiglia dei proprietari vive un’esperienza diretta di celiachia e quindi è perfettamente consapevole di tutte le attenzioni necessarie per questo tipo di situazione. Offre anche un’ampia scelta di piatti a chi vive una scelta di alimentazione vegana.

Prima di preparare questo dolce facile e vacanziero, diamo un’occhiata agli ingredienti attraverso le pagine di Dieta e Salute con gli alimenti vegetali:

Mandorla: appartiene alla famiglia delle rosacee, contiene molti lipidi di cui un’alta percentuale di grassi insaturi, proteine, vitamine del gruppo B, ferro, magnesio, calcio e fosforo, zinco, fluoro e iodio.

Riso: appartiene alla famiglia delle graminacee, non contiene glutine e nella sua forma integrale contiene fosforo, magnesio e potassio.

Cocco: grasso saturo di origine vegetale

Soya: appartiene alla famiglia delle Leguminose già diffuse in cina nel 2800 a.C. E’ ricca di proteine, lipidi e carboidrati. Il suo contenuto proteico nei semi essicati è circa ilo doppio di quello della carne fresca di bovino con un ventaglio di aminoacidi più completo degli altri legumi.

Albicocche appartiene alla famiglia delle rosacee, di origine asiatica, contiene ferro e vitamine del gruppo B e C.

Tempo occorrente: 30 minuti di riposo, 10 minuti di preparazione
Ingredienti per 4 persone

3 dl di latte di soya
1 dl di d’olio extra-vergine d’oliva
75 gr di farina di riso integrale
un pizzico di sale
300 gr di albicocche
300 gr di latte di cocco per dolci
cannella
30 gr di mandorle sgusciate
20 gr di zucchero mascovado
foglioline di menta

Stemperare la farina di riso integrale e il sale con il latte di soya e olio tranne 1 cucchiaio. Mescolare bene. Far riposare 30 minuti. Tritare grossolanamente le mandorle.
Lavare e affettare le albicocche. Montare con una frusta il latte di cocco e metterlo in frigo.
Far scaldare con un pò’ d’olio una pentola antiaderente mettere il composto, far rapprendere e poi spezzettare la omelette che si andrà a formare, con il cucchiaio di legno, aggiungere cannella in polvere, lo zucchero mascovado, far caramellare e distribuire in contenitori mono porzioni, decorare con mandorle sgusciate, una cucchiaiata di panna di cocco, pezzetti di albicocca e foglie di menta fresca.

Ci voleva l’Hotel Flamengo per farci riprendere a postare ricette. La prossima presentezione è prevista il 12 settembre alle 18.00 alla Civica Biblioteca Bonetta, a Pavia.

___________________________________________________________________________________________________

English Version

Le felicità possibili have moved to the beach, for the summer season, to Spiaggia 60 in Riccione where Francesca Gussoni welcomed us, tireless curious for readings with a sea view.

Spiaggia 60 is a very special place, by the sea, snack of sliced watermelon, deck chairs and a small library with many books and many jars containing different sands coming from many coasts, near and far.
Here, a writer, finds a tanned, attentive and amused public.
From a distance we felt near Angela Maria Marchetti, Ceo of I am bambù, who, with the flexibility of bamboo made real Le felicità possibili and then Transeuropa Edizioni, our publishing house.
Special thanks to the Hotel Flamengo who welcomed us so kindly, to which we dedicate this recipe gluten free and vegan. In fact, the kitchen of the Hotel Flamengo is very attentive to the issue of food intolerance, and proposes, for example, gluten-free menu. The owner family lives an experience of celiac disease and that is the reason why this hotel is perfectly aware of all the attention necessary for this type of situation. It is available also a variety of dishes for vegans.
Before preparing this sweet and easy for holiday, let’s look at the ingredients through the pages of Dieta e salute con gli alimenti vegetali.

Almond: belongs to the rose family, contains many lipids of which a high percentage of unsaturated fat, protein, B vitamins, iron, magnesium, calcium and phosphorus, zinc, iodine and fluorine.
Rice: belongs to the grass family, it does not contain gluten and in its integral form contains phosphorus, magnesium and potassium.

Coconut: saturated fat of vegetable origin

Soya: belongs to the family of leguminous plants already widespread in China in 2800 BC And is rich in proteins, lipids and carbohydrates. Its protein content in the seeds dried is about twice that of the fresh meat of cattle with a fan of amino acids most comprehensive of the other legumes.

Apricot: belongs to the rose family, of Asian origin, it contains iron and vitamins B and C.

Time required: 30 minutes of rest, 10 minutes of preparation
Serves 4

3 dl of soy milk
1 dl of extra-virgin olive oil
75 grams of brown rice flour
a pinch of salt
300 grams of apricots
300 grams of coconut milk for sweet
cinnamon
30 grams of shelled almonds
20 grams of sugar mascovado
mint leaves
Mix the rice flour and salt with soy milk and oil except 1 tablespoon. Mix well. Let stand 30 minutes. Coarsely chop the almonds.
Wash and slice the apricots. Whisk coconut milk and put it in the fridge.
Warm up with a little ‘oil a nonstick pan, put the mixture, let coagulate and then break up the omelette which will form, with the wooden spoon, add cinnamon, sugar mascovado, caramelize and distribute into mono portion containers, decorate with sliced almonds, a spoonful of cream of coconut, pieces of apricot and fresh mint leaves.

Thanks to Hotel Flamengo we have posted a recipe. The next presentezione is scheduled on September 12 at 18.00 at the Civica Biblioteca Bonetta in Pavia.

Stampa Stampa  Invia Invia

Le felicità possibili alla libreria gastronomica malafarina

Pubblicato il | 1 luglio 2015 | 1 Commento

Ogni presentazione è diversa, durante ogni presentazione si impara qualcosa. Con Anna Galante siamo riuscite a vederci qualche giorno prima, ad approfondire gli argomenti da esporre, a cucinare insieme per l’aperitivo durante l’appuntamento alla libreria Malafarina.

Che poi è diventato così, accompagnato dai nettari dell’Oasi Galbusera Bianca:


Da lontano ci sono stati vicino Angela Maria Marchetti di I am bambù che con la flessibilità del bambù ha reso reali le felicità possibilie Transeuropa Edizioni, la nostra casa editrice.

E’ stato Bello ritrovare Raffaella, Nicoletta, Eugenio compagni di Tai-chi, Gustavo, anima delle spedizioni al Planetario, Il Farmacista Goloso, Grazia a me vicina con grazia, dentro e fuori le presentazioni, Giuseppe che ci segue, Emanuele Bonati nume tutelare degli aspetti redazionali, è arrivato fino a presentarci qui ed ora. Anna Malafarina con la sua accoglienza accompagnata da infinita pazienza e professionalità. E tutti i fedelissimi alla Libreria Gastronomica Malafarina, presenti e attenti. Grazie a Tutte e Tutti.

Per la prossima presentazione ci trovate alla Spiaggia 60 di Riccione 08.08 alle 17.30.
Vi aspettiamo: felici e marini!

Stampa Stampa  Invia Invia

Le felicità possibili 25.05.2015

Pubblicato il | 18 giugno 2015 | 2 Commenti


Qualcuno si chiederà com’è andata la prima presentazione de le felicità possibili a La Teiera Eclettica.

Da dentro è sempre un pò difficile descrivere, anche se poi se non sei dentro, tutto diventerebbe inverosimile.


Diciamo che la sensazione è stata buona… son venute delle persone a sorpresa come Patrizia, la sorella di Luisa Rabbia che ci ha seguite con amorevole artistico sguardo, Cristiano Bonolo, lo chef di Vegolosi, Katia amica di Parco, Tai-chi e molto altro, Giuseppe Perteghella, il mio master Reiki, la mia amica Valeria e tutta la sua appena nata famiglia, Lidia che porta un sacco bene alle presentazioni, Eleonora preziosa collega. Si sono palesati anche genitori, zii, e Nethan a cui Anna ha affidato la sua macchina fotografica. E poi gli affezionati de La Teiera Eclettica attenti, curiosi. Sembravano sereni, non troppo annoiati. Anna ed io eravamo emozionatissime, ci tremava la voce nel leggere i racconti e le foto che intrecciamo da 3 anni.

Barbara e Steeve de la Teiera Eclettica si sono rivelati meravigliosi.
Steeve ha trovato delle scatole di legno di tè perfette per sostenere le foto di Anna. Barbara ha offerto due tè a tutti noi. Ecco come li descrive lei:

Chung Hao Bio
Tè verde da una piantagione con certificazione Bio nella provincia cinese di Fujian impreziosito con fiori di gelsomino, il profumo floreale si armonizza con l’aroma del tè che conquista il palato con la sua morbidezza. Il mio preferito.

India Sikkim – Temi TGFOP
Il Sikkim è un piccolo stato indiano tra Nepal e Bhutan che si incunea tra le montagne dell’Himalaya ove vi è un solo giardino in cui si produce tè di ottima qualità e dal sapore inconfondibile. Le foglie dalle punte dorate raccolte in
estate danno un infuso dall’aroma floreale con un retrogusto di frutta matura. Si differenzia dai Darjeeling perché se lasciato raffreddare non diventa astringente. Perchè Anna ama il tè nero.


Poi Barbara ci ha letto una frase di Angela Maria Marchetti di I am bambù per sintetizzare i legami sottili che hanno congiunto i racconti, le immagini, Transeuropa Edizioni, con la flessibilità del bambù di I am bambù che ha reso reali le felicità possibili.

Diciamo che abbiamo iniziato il giro di presentazioni con affetto … Grazie a tutti quelli che sono intervenuti, e anche agli assenti che hanno saputo far sentire la loro presenza.

La prossima è già qui il 25.06.15 alle 18.30 alla Libreria Malafarina. Vi aspettiamo!

Stampa Stampa  Invia Invia

Accadono le felicità possibili

Pubblicato il | 4 maggio 2015 | 6 Commenti

In Primavera spesso si è sorpresi da come cambia il profilo di una strada solo perché gli alberi hanno i fiori. La stessa strada, con gli stessi alberi, d’un tratto diventa un percorso di profumi che sventolano sulle note del bianco e del rosa. Ugualmente è successo a le felicità possibili: dalla cartellina che le conteneva sono sbocciate, hanno trovato una casa editrice che ne ha percepito il senso di possibilità – Transeuropa Edizioni, dove il rapporto tra parole e immagini è vissuto intensamente, la narrativa breve trova il suo spazio di dialogo per realizzarsi.

Le felicità possibili hanno incontrato anche I am bambù, un’azienda made in Italy che produce capi in maglieria di bambù.
Come spiega Angela Maria Marchetti, cuore pulsante di I am bambù‘, “Il bambù è leggero, forte ed elastico. E’ una risorsa rinnovabile, perché si auto-trapianta offrendo così l’opportunità di una rapida diffusione dovuta ad un continuo ricrearsi di nuovi germogli, anche dopo il taglio del fusto”

La Primavera funziona così.
Incontri e le felicità possibili diventano reali.
Tutto evolve in modo tanto facile che l’unica risposta possibile è sì.
Per i dubbiosi, si rassicurino: le felicità possibili rientreranno in un fuori Collana con caratteristiche grafiche della Collana Inaudita.

La prima presentazione è prevista a Milano a La Teiera Eclettica il 25.05.2015, ore 18.30.
A seguire, sempre a Milano, questa volta saremo ospiti di Libreria Malafarina, il 25.06.2015, ore 18.30.
A Pavia ci trovate alla Biblioteca Civica Bonetta l’11.07.2015, ore 18.30.
A Riccione Vi aspettiamo alla Spiaggia 60, l’08.08.2015, ore 17.30.
A Trento ci incontrate nello show room di I am bambù il 24.09.2015, ore 18.00.

Stampa Stampa  Invia Invia

Nuovo Open day reiki 22.11.

Pubblicato il | 11 novembre 2014 | Lascia un Commento

Certe volte ritornano, perché, come dice un mio amico, a stare aperti c’è tutto quello che si vive stando chiusi, più milioni di altre cose.

E quindi eccoci qua per un nuovo momento di apertura sul Reiki.

Bisogna essere cauti a parlare di energia: tutti noi siamo abituati a misurarla in kilo kalorie, per lo più.

La soluzione migliore è provare quali benefici accadono quando ci si sintonizza con il flusso in cui ci muoviamo tutti, che lo vogliamo oppure no, che ne siamo consapevoli o meno.

Vi aspetto per mini-trattamenti gratuiti di 20 minuti:
Sabato 22.11.2014 dalle 9 alle 14
presso L&V
viale monte santo 4 Milano
Prenota al 02 4966 8472

Ci piacciono gli open-day….

Stampa Stampa  Invia Invia Proposte più vecchie »

Cerca

  • AL RIPARO DA INTOLLERANZE

    Irene Binaghi
    Le ricette proposte su questo blog invitano a una cucina naturale, nel rispetto di chi soffre di intolleranze alimentari. Sono utilizzati ingredienti bio, senza latticini, senza zucchero, senza lieviti, senza grano, senza uova, senza carne, ma - soprattutto - senza rinunciare all’acquolina in bocca. Questa è quella che chiamo la sfida senza senza. Le intolleranze passano, il modo più naturale di cibarsi resta.
  • Cinguettii senza senza

  • Pausa Thè su YouTube

  • PREVENZIONE IN 111 RICETTE

    Verso La Tolleranza
  • Parole da assaggiare

    Intolleranze Zero
  • Sottoscrivi

  • Translator